Sito   Fenughi Sibiri - Pira Inferida
click sulle foto per ingrandirle
Tipologia MINIERA
Comune Gonnosfanadiga
Provincia VS
Descrizione
 
LA MINIERA FENUGU SIBIRI – PIRA INFERIDA

La miniera di Fenugu Sibiri si trova nel territorio comunale di Gonnosfanadiga (VS). Tra i vari cantieri appartenenti a questa concessione possiamo annoverare quello di Pira Inferida che, senza dubbio ha fornito un numero di specie mineralogiche considerevoli e di assoluta rarità. Il sito è raggiungibile partendo dal comune di Gonnosfanadiga dove, percorsi appena qualche centinaio di metri dalla periferia, in direzione Arbus, si svolta a sinistra per il borgo di Sibiri. Giunti sul posto, si prosegue lungo la strada che imbocca il canale della valle di Nurazzena, che taglia le discariche di Fenugu Sibiri, da dove sono visibili le discariche di Pira Inferida.
La storia della miniera iniziò nel 1870 quando fu accordato un permesso di ricerca al Sig. C. Ferri. Sei anni dopo, il permesso fu ceduto alla ditta E. Jacob e V. Barone che, nel 1878, ottennero la concessione per lo sfruttamento di minerali di nichel e cobalto.
Nel 1908 la concessione passò alla società anonima di Malfidano che, con Reggio Decreto, ottenne il permesso perpetuo. La nuova società edificò alcuni alloggi per gli operai e intraprese una serie di nuove ricerche scavando alcune gallerie. Risale a questo periodo l’apertura dei cantieri di Pira Inferida, Speranza e Santa Barbara. Il cantiere Speranza divenne improduttivo nel 1927, mentre il cantiere Santa Barbara cessò l’attività nel 1935. L’anno dopo la società Malfidano rinunciò definitivamente alla concessione di Fenugu Sibiri. Nello stesso anno i permessi vigenti furono accorpati a favore dell’AMMI di Roma, che riattivò i vecchi cantieri. L’attività estrattiva ebbe un nuovo impulso, soprattutto, nei cantieri di Pira Inferida e Santa Barbara. Nel 1942 l’attività venne a cessare per la scarsa consistenza della mineralizzazione. Da questo momento in poi la concessione passò in mani di un privato che, nel 1950, la cedette alla Monteponi-Montevecchio. La coltivazione si protrasse in tono minore fino al 1968.



 

Indietro
"Clorite"
Agardite-(Y)
Annabergite
Antlerite
Arsenogorceixite
Arsenolite
Arsenopyrite
Bariopharmacosiderite
Bastnäsite-(Ce)
Bayldonite
Bendadaite
Beudantite
Bindheimite
Bismuth
Bismuthinite
Breithauptite
Brochantite
Calcite
Carminite
Cerussite
Cervantite
Chalcopyrite
Chlorargyrite
Cobaltite
Connellite
Copper
Cornubite
Covellite
Cuprite
Djurleite
Dolomite
Dundasite
Epsomite
Erythrite
Fluorite
Galena
Gasparite-(Ce)
Gersdorffite
Goethite
Greenockite
Gypsum
Hematite
Hidalgoite
Hydrokenoelsmoreite
Köttigite
Ktenasite
Lavendulan
Linarite
Linnaeite
Malachite
Mansfieldite
Marcasite
Millerite
Mimetite
Minium
Muscovite
Nickelhexahydrite
Nickeline
Olivenite
Pharmacosiderite
Phosgenite
Proustite
Pyrargyrite
Pyrite
Pyrrhotite
Quartz
Rammelsbergite
Safflorite
Sampleite
Schultenite
Scorodite
Segnitite
Sénarmontite
Siderite
Silver
Skutterudite
Sphalerite
Stibiconite
Stibnite
Strengite
Sulphur
Symplesite
Tetrahedrite
Tripuhyite
Ullmannite
Valentinite