Sito   Masaloni
click sulle foto per ingrandirle
Tipologia MINIERA
Comune San Vito
Provincia CA
Descrizione
 
LA MINIERA DI MASALONI

La miniera di Masaloni si trova nel territorio di San Vito (CA). Essa è raggiungibile percorrendo la SS 125 dell’Orientale Sarda in direzione Muravera. Giunti all’altezza del Km 49, s’imbocca una strada sterrata che s’inoltra lungo la valle di Fassoni. Percorsi altri 4 Km circa, si giunge nei pressi del cantiere forestale. Un cancello è posto di traverso lungo la strada, a limitarne l’accesso. All’interno del cantiere sono ben visibili sia le discariche e sia gli imbocchi alle gallerie. La storia di questa miniera risale al 1873, quando alcuni ricercatori di San Vito chiesero di poter eseguire delle esplorazioni. Cinque anni dopo cedettero i diritti al signor G. Vargiolu che, con alcuni soci, iniziarono i lavori di scavo che portarono alla luce il filone argentifero di Baccu Masaloni. Nel 1881 i permessi furono ceduti alla Società di Lanusei, che proseguì la coltivazione dei filoni con ottimi risultati. Otto anni dopo ottennero la concessione mineraria. La vena mineralizzata raggiunse uno spessore di un centinaio di metri ed era costituita principalmente da una serie di piccole lenti, che vennero coltivate in più livelli. Il giacimento era incassato tra il granito e gli scisti, talvolta a contatto delle quarziti. Le lenti stesse talvolta erano dislocate nelle faglie, questo fatto creò non poche difficoltà per la coltivazione. Nel periodo più attivo vi lavorarono circa 80 operai, con l’apporto di donne e bambini che erano addetti alla cernita manuale. Il materiale estratto veniva trasportato con carri a buoi nella vicina miniera di Monte Narba. Per fare facilitare il trasporto, venne utilizzata una galleria di carreggio del vicino cantiere minerario di Giovanni Bonu, che si collegava alla miniera di Masaloni con una carrareccia. A seguito del fallimento della società di Lanusei, la concessione passò alla Società Malfidano, che per difficoltà finanziarie fu costretta alla chiusura definitiva della miniera, seguendo le sorti delle altre miniere legate a Monte Narba.
 

Indietro
"Biotite"
Albite
Andalusite
Antimony
Arsenic
Arsenopyrite
Baryte
Berthierite
Bornite
Breithauptite
Calcite
Chalcopyrite
Cinnabar
Cobaltite
Epidote
Fluorite
Galena
Greenockite
Gypsum
Hemimorphite
Marcasite
Millerite
Molybdenite
Muscovite
Nickeline
Planerite
Polybasite
Proustite
Pyrargyrite
Pyrite
Pyrrhotite
Quartz
Rammelsbergite
Safflorite
Schorl
Silver
Sphalerite
Stephanite
Ullmannite