Sito   Monte Narba - Canale Figus
click sulle foto per ingrandirle
Tipologia MINIERA
Comune San Vito
Provincia CA
Descrizione
 
LA MINIERA DI MONTE NARBA


La miniera di Monte Narba si trova nel territorio di San Vito (CA), raggiungibile percorrendo la strada statale 125 dell’Orientale Sarda in direzione Muravera. Una volta arrivati all’ingresso del paese di San vito si deve svoltare sulla stradina a sinistra che porta alla montagna.
La Società Anonima delle Miniere di Lanusei venne in possesso della concessione mineraria di Monte Narba nel 1874. Due anni dopo, la società ottenne la concessione di Giovanni Bonu e Baccu Arrodas. La direzione dei cantieri fu affidata all’ingegner G. B. Traverso, che impostò le coltivazioni dei filoni argentiferi in modo razionale, ottenendo un’eccellente produttività. Vi lavorarono oltre 300 operai e, nel giro di pochi anni, le maestranze impiegate raggiunsero le 936 unità, con una capacità produttiva di 1450 tonnellate di piombo e argento (con un tenore del 2%). Nel 1888 la miniera contava ben 14 livelli di gallerie con 470 m di dislivello. Una delle gallerie era in comunicazione con il cantiere di Giovanni Bonu che, a sua volta, aveva una galleria di oltre 2 Km che metteva in comunicazione il versante di San Priamo con quello di San Vito. Complessivamente i lavori interessarono circa 18 Km di gallerie. Attorno alla miniera sorse un villaggio, compreso un piccolo ospedale e una serie di servizi, che la rendeva autosufficiente .
Alla fine del secolo, i primi segni d’esaurimento dei filoni portarono alla chiusura di vari cantieri. Il calo del prezzo dell’argento, del 1896, inflisse infine il colpo definitivo, causando una crisi economica irreversibile.
Nonostante gli sforzi improntati a individuare altri ricchi filoni, per la società si delineava il fallimento. Una sporadica ripresa si ebbe nel 1914, per la crescente domanda di piombo, che consentì lo sfruttamento dei filoni più poveri in argento ma ricchi in galena. Nel 1921 le azioni della società furono acquisite dalla Vieille Montagne, che abbandonò quasi subito l’interesse per la miniera di Monte Narba. Sette anni dopo, i diritti riguardanti la concessione furono ceduti alla società di Montevecchio. Questa, dopo aver costatato che l’attività estrattiva era antieconomica, nel 1935 rinunciò alla concessione, decretando in tal modo la fine dell’attività estrattiva a Monte Narba.
 

Indietro
Annabergite
Antimony
Apophyllite
Arsenic
Arsenopyrite
Baryte
Berthierite
Bornite
Bournonite
Breithauptite
Calcite
Cerussite
Chalcopyrite
Chlorargyrite
Cobaltite
Covellite
Erythrite
Fluorite
Galena
Harmotome
Laumontite
Leadhillite
Linarite
Löllingite
Marcasite
Mercury
Millerite
Minium
Molybdenite
Nickeline
Polybasite
Proustite
Pyrargyrite
Pyrite
Pyromorphite
Pyrostilpnite
Pyrrhotite
Rammelsbergite
Safflorite
Saponite
Silver
Skutterudite
Sphalerite
Stephanite
Stibnite
Sulphur
Ullmannite
Wulfenite