Sito   Baccu Locci
click sulle foto per ingrandirle
Tipologia MINIERA
Comune Villaputzu
Provincia CA
Descrizione
 
La miniera di Baccu Locci è situata lungo le sponde dell'omonimo torrente, ai confini meridionali del Salto di Quirra, e fa parte del comune di Villaputzu (CA).
Il sito si può raggiungere dalla Strada Statale 125: arrivati presso il ponte Corr'e Cerbu, nei pressi della collina del castello di Quirra, si prende una strada in sterrato che s'inoltra verso l'interno, seguendo il corso del torrente. Si segue la carrareccia per circa dieci chilometri che porta direttamente alla miniera, attraversando diversi piccoli torrenti a raso, ricchi di sassi.
La miniera venne scoperta nel 1866 e fu concessa sette anni dopo alla Soc. De La Mine di Liegi per la coltivazione di un giacimento di rame, argento, arsenico, ferro e antimonio. Nel 1919 venne data in sub concessione alla Compagnia Francese delle Miniere del Laurium. Nel 1935 fu concesso un permesso di ricerca alla ditta Pacifici e Cambarone, che focalizzò il suo interesse sulle mineralizzazioni di arsenopirite, fino allora trascurate. Nel 1938 la Società Rumianca di Livorno, leader nel settore degli insetticidi, fu protagonista di grandi investimenti che consentirono l’ammodernamento degli impianti per la coltivazione delle vene di arsenopirite. I lavori si estesero per oltre un chilometro e per diverse centinaia di metri di profondità con lo scopo di estrarre l’arsenico per l’industria chimica. Ai piedi della miniera fu costruito un impianto di trattamento e un bacino d’acqua, collegati con le gallerie più alte da un sistema di teleferiche e passaggi interni. Dal 1950, come per le altre miniere sarde, iniziò la fase di decadenza e l’attività cessò definitivamente nel 1965 con la rinuncia alla concessione. Nel sito di Baccu Locci, grazie all’ossidazione dei minerali primari, sono stati identificati oltre cento minerali.

Sono appena terminati i lavori per la riqualificazione di tutta l’area, con lo scopo di porre fine all’inquinamento delle acque che scendono a valle. In sintesi, sono state murate tutte le miniere e le discariche sono state incorporate in voluminosi cumoli, protetti esternamente da uno strato di terra e ricoperti da teli di iuta per far ricrescere la vegetazione locale. In questo modo, il sito non è più possibile per ricerche minerali, poiché è sotto controllo costante della forestale.
 

Indietro
Anglesite
Aragonite
Arsenic
Arseniosiderite
Arsenopyrite
Atacamite
Aurichalcite
Azurite
Bariopharmacosiderite
Baryte
Bayldonite
Beudantite
Bonattite
Boyleite
Brochantite
Calcite
Caledonite
Carbonate-cyanotrichite
Carminite
Cerussite
Chalcanthite
Chalcoalumite
Chalcocite
Chalcomenite
Chalcophyllite
Chenevixite
Connellite
Copper
Corkite
Covellite
Cumengéite
Cuprite
Devilline
Dundasite
Francisite
Galena
Gartrellite
Gordaite
Greenockite
Gunningite
Halloysite
Hematite
Hemimorphite
Hidalgoite
Hinsdalite
Hydromagnesite
Hydrozincite
Indigirite
Ktenasite
Langite
Leadhillite
Linarite
Malachite
Mandarinoite
Mansfieldite
Melanterite
Mimetite
Mottramite
Namuwite
Olivenite
Olsacherite
Orlandiite
Osarizawaite
Phosgenite
Pickeringite
Pitticite
Plumbojarosite
Pseudoboleite
Pyrite
Pyromorphite
Pyrrhotite
Quartz
Rosasite
Sarrabusite
Scheelite
Schmiederite
Scholzite
Schulenbergite
Scorodite
Serpierite
Silver
Smithsonite
Spangolite
Sphalerite
Sulphur
Tennantite
Vanadinite
Vashegyite
Veszelyite
Wulfenite
Zdeněkite
Zincowoodwardite
Zincrosasite